Paolo Alderighi Web Site

Contenitore centrato - Paolo Alderighi Web Site

Left column - Paolo Alderighi Web Site

Image Left - Paolo Alderighi Web Site

Immagine Home Page

Newsletter Home - Paolo Alderighi Web Site

Iscriviti alla Newsletter!

Right column - Paolo Alderighi Web Site

CONCERTI

 

Foto Gallery

news
CONSERVATORIO DI MILANO

Lunedì 5 dicembre, Sala Verdi, ore 20:45

Concerto a due pianoforti

 

Programma

 

Brani di: Scott Joplin, Jelly Roll Morton, James P. Johnson, Thomas “Fats” Waller, Eubie Blake, Duke Ellington, George Gershwin e altri.


“Itinerari di musica popolare americana: il jazz che ha influenzato i compositori classici”

 

Il jazz è una musica relativamente giovane (è passato poco più di un secolo dalla prima storica registrazione di musica jazz avvenuta nel 1917). In questo breve arco di tempo assistiamo ad una rapida evoluzione – favorita tra l’altro dagli sviluppi tecnologici che hanno reso possibile la distribuzione e diffusione della musica non più soltanto tramite partitura ma anche tramite disco – del linguaggio della musica jazz, da musica popolare a musica degna di essere studiata nei conservatori di tutto il mondo.
La ricchezza stilistica e il carattere innovativo della musica jazz derivano direttamente della peculiare storia degli Stati Uniti d’America e dall’incrocio di elementi di provenienza molto diversa (Europa, Africa, Centro e Sud America). Sarà proprio il risultato di questa originale fusione ad interessare Stravinski, Debussy, Ravel, Milhaud, …
Un viaggio musicale alle radici della musica popolare americana. Il repertorio si basa sul pianismo americano di primo Novecento e sul ricco patrimonio melodico della tradizione statunitense: il ragtime e la sua evoluzione nello stride piano, il blues e la canzone.

 

Informazioni

Per prenotazioni (ritiro biglietti la sera del concerto al Conservatorio)

Acquisto biglietti online

- Vai all'elenco completo -